Lo spazzolino vegano val bene una messa?

Da qualche tempo, la nostra azienda (*) ci sta sensibilizzando alla raccolta differenziata. Le lettere di licenziamento e sospensione, infatti, per incentivare un uso etico e responsabile del nostro pianeta, vengono inviate su carta riciclata. Ma si può e si deve fare di più, come sempre, e in ufficio una collega è stata nominata SCARDA, Supervisore Complessivo e Analitico Raccolta Differenziata Apriori.

Noi tutti rispettiamo la SCARDA perché ci dice cosa dobbiamo fare per salvaguardare il pianeta e perché ci mettiamo un poco paura. E anche perché ci dice cosa fare per salvaguardarci lo stipendio e il posto di lavoro, visto che l’hanno dotata di poteri paragonabili a quelli di Capitan Juncker. Può, infatti, elevare multe per ogni rifiuto da noi indirizzato al cestino sbagliato, e addirittura sospenderci per ogni rifiuto a collaborare. Capirete quindi come ci siamo attrezzati per un riciclaggio ottimale: carta alla carta, plastica alla plastica, cenere alla cenere.  

Anche se, devo dirlo, lavorando in una banca siamo in perenne conflitto con tutta la normativa antiriciclaggio: se un riciclatore di denaro sporco vuole aprire un conto, come ci dobbiamo comportare? Gettare nel cestino della carta la modulistica di apertura del conto o utilizzare la carta riciclata per denunciarlo alla Pubblica Sicurezza? E la saliva con la quale vorremmo comunicare il nostro disappunto per il suo stile di vita dove la mettiamo, nell’umido? Son domande.

Però, alla fine, dopo un periodo di adattamento dove il mio stipendio è calato del 90% e ho potuto  nutrire le mie creature solo a pane e acqua (disdicevole conseguenza della nuova normativa ma almeno facili da riciclare), oggi ho raggiunto un elevato grado di riciclaggio. Anzi, di riciclo, come mi invita a definire la nostra azione di salvaguardia del pianeta la nuova normativa CLAP CLAP?, Cambiare Le Assurde Parole Cambia Le Azioni Prodotte?

Mi sono specializzato: oltre alle minime attività come staccare la plastica dalla carta dalle buste postali o le etichette dalle bottiglie di vino, ho imparato a mettere a bagno i giornali affinché l’inchiostro si stacchi dalla carta o detergere fino in fondo le bottiglie dei detergenti, anche se per farlo spreco impiego una tale quantità di acqua da poter irrigare il Sahara e dintorni.

Ma ho imparato a fare di più, ho acquistato uno spazzolino vegano! No, non è uno spazzolino che ti piglia a male parole e si rifiuta di lavarti i denti dopo aver mangiato una bistecca alla fiorentina, ma un semplice ed efficace spazzolino in bambù con le setole in carbone attivo. Semplice, ecologico, originale.

Come ti asciugo lo spazzolino vegano

Peccato che dopo averlo usato abbia cominciato a dare segni di muffa sul manico, anche se è stata colpa mia perché non ho seguito le istruzioni: asciugare lo spazzolino sistemandolo in orizzontale su un bicchiere e le setole rivolte verso il basso. Allora ho provato a farlo e ho sistemato quattro bicchieri sul lavandino e quindi gli spazzolini sopra, e devo dire che il sistema ha funzionato, la muffa non c’è più. Per la verità non ci sono nemmeno più i bicchieri, visto che la signora che dà una mano in casa ha fatto filotto con caparbia e meticolosa precisione.

Capirete che era una storia che non poteva andare avanti con quello che costano i bicchieri e lo stipendio ridotto al 10% . Allora mi è venuta un’idea geniale che ho messo in atto proprio stamattina: ho comprato un manuale di autoproduzione  e ho preparato un dentifricio a base di argilla, bicarbonato di sodio, olio essenziale di menta piperita, timo e salvia secchi tritati, e l’ho applicato con generosità sui denti con una cazzuola in ferro riciclata da mio nonno buonanima. E finalmente ho trovato la pace. Niente più plastica, niente spazzolini vegani, niente più multe!

Devo solo capire come riuscire ad aprire la bocca, visto che il dentifricio autoprodotto sembra essere più efficace della Sichozell e più veloce del cemento a presa rapida, ma è un dettaglio.

Ah, se quando ci incontreremo dovessi salutarvi solo con la manina non prendetevela, salvare il mondo val bene una messa. E per fortuna non riesco a parlare, altrimenti sarei costretto a dirvi dove.

(*) non sto parlando proprio della mia azienda; cioè, anche nella mia si usa carta riciclata, ma ci siamo capiti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.