Cronaca di una sfiga annunciata

 

Quando cominciai a carezzare l’idea di presentare Sirena a Milano vedevo già scorrere le prime immagini di Mission Impossible. I problemi erano fondamentalmente due: chi lo avrebbe potuto presentare e, soprattutto, dove.
Avevo solo una necessità imprescindibile, il locale doveva essere al centro di Milano. Ma non un centro qualsiasi, il centro centro. Dalle parti della Scala, per intenderci. Ci ho messo mesi: le librerie facevano orecchi da mercante e i locali lì intorno chiedono cifre impossibili. Alla fine, complice la collaborazione di un amico, tutto si è incastrato per il meglio. C’era il locale, un relatore, un letto. Mancavano solo gli ospiti, ma la macchina degli inviti stava già lavorando a pieno ritmo.
Peccato che a pochi giorni dalla data un relatore alla volta mi abbiano comunicato il loro forfait e anche l’amico che mi avrebbe dovuto ospitare sarebbe stato impossibilitato a farlo. E poi c’erano alcune difficoltà per l’editore a vendere i libri. Insomma, nel mio piccolo, la catastrofe.

Però ci sono gli amici. E gli amici degli amici. Quelli che chiamano all’ultimo momento e pescano dal mazzo un relatore, anzi, una straordinaria relatrice. Quelli che ti ospitano e poi vogliono sapere quando il treno è arrivato, così non stanno preoccupati. E poi quelli che vengono alla presentazione, ti abbracciano e la paura e il panico possono solo squagliarsi e lasciarti andare. Quelli che invitano altri amici interessati, quelli che ti fanno mille domande e ancora mille. Quelli che ti carezzano con lo sguardo e brindano col sorriso leggero. Quelli che ci sono sempre, anche se non vi sentite mai. Quelli che la vita ti mette sul ciglio della strada ed è una gioia portarli a bordo. Quelli lì, insomma, il pane e il companatico, l’insalata e il condimento, il bruco e la mela.

Eccoli in tutto il loro splendore, e se vi sembrano meravigliosi è perché lo sono.

Per non parlare di chi mi è stato vicino sul palco.

Marco Morganti
Marco Ratti
Antonella Zanca e Aldo Putignano
Adriana Pepe

Senza retorica, e il cuore pieno, grazie Milano. Mi hai mostrato il tuo grande coeur in man, ma non avevo dubbi.

(Tutte le altre foto di Una Sirena a Milano le trovate qui.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.